Formazione al volontariato internazionale

Perché fare formazione al volontariato internazionale?

Cos’è la formazione al volontariato internazionale?

La formazione al volontariato internazionale è un percorso di apprendimento, condivisione e riflessione pensato per tutti coloro che si apprestano a vivere un’esperienza di volontariato all’estero. Secondo i nostri principi associativi, è uno dei pilastri del volontariato etico e responsabile. Non a caso, le migliori collaborazioni volontario-Ong sono il frutto di formazione, informazione e coscienza civica a livello globale.

Queso percorso è adatto a tutti coloro che abbiano già deciso che progetto sostenere e con quale associazione partire, ma anche a quelli che ci stanno ancora pensando. Anzi, forse soprattutto per loro! Prima si comincia a riflettere sul mondo del volontariato e sulle motivazioni personali che ci spingono a compiere questo passo, meglio è.

Lo svolgimento di un percorso di formazione pre-partenza permette ai volontari di partire più tranquilli, forti delle esperienze di altri volontari che sono partiti prima di loro. Inoltre, aiuta a vivere il volontariato in modo più cosciente ed autentico, permettendo ai partecipanti di andare oltre le apparenze ed i luoghi comuni con l’acquisizione di una prospettiva storico-culturale più approfondita.

Ma formazione al volontariato vuol dire anche formazione all’interculturalità e alla cittadinanza attiva globale. I volontari all’estero, infatti, intraprendono un percorso di crescita civica, oltre che personale, diventando protagonisti di un cambiamento sociale per un mondo più unito, solidale e sostenibile.

Alcune buone ragioni per fare la formazione al volontariato all’estero

Ci sono diversi fattori che rendono la formazione al volontariato internazionale imprescindibile. Eccone alcuni:

Pensiero critico

Il lavoro dei volontari ha un senso quando lo osserviamo nell’ottica della cooperazione allo sviluppo e nel quadro generale del volontariato internazionale. Acquisire gli strumenti per un’analisi ed una comprensione critica del contesto è quindi un passo fondamentale.

Sviluppo Sostenibile

Tra tutti gli aspetti della cooperazione internazionale, risulta di particolare importanza per un volontario il tema della sostenibilità. Dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU alla comprensione degli aspetti partecipativi della cooperazione, il volontario deve appropriarsi di questi concetti base per agire responsabilmente e svolgere il suo ruolo in modo informato e responsabile.

Umiltà

Abbiamo ereditato da secoli di storia coloniale e neo-coloniale l’illusione che la nostra cultura sia superiore o migliore delle altre. Un volontario deve necessariamente lasciare a casa tutti i pregiudizi e partire con umiltà. L’umiltà può essere insegnata? Forse non con un corso! Ma si possono dare gli strumenti per un’analisi autocritica delle proprie aspettative e motivazioni.

Intelligenza emotiva

Parliamo spesso dei vantaggi dell’uscire dalla propria zona di comfort. Ma come comportarsi quando siamo lì fuori? Come gestire le nostre emozioni mentre affrontiamo un percorso di crescita che ci mette a contatto con i nostri limiti di adattamento ed accettazione?

Interculturalità

Uno degli aspetti più affascinanti per un volontario all’estero è imparare a conoscere dall’interno una cultura diversa e nuova. Ma non tutti gli aspetti culturali che scopriamo possono risultarci gradevoli, comprensibili o accettabili. Con tutti i volontari è necessario quindi parlare dei conflitti culturali, del rispetto e del compromesso.

Educazione Civica

Fare formazione al volontariato è anche comprendere il concetto di cittadinanza globale e farlo nostro, nella consapevolezza che la nostra vita è inesorabilmente connessa a quella degli altri abitanti del pianeta.

Come fare formazione al volontariato internazionale

Formazione al volontariato internazionale

Ci sono moltissime associazioni italiane che propongono percorsi di formazione pre-partenza. Generalmente si tratta di incontri residenziali che si tengono durante uno o più weekend e sono indirizzati ai partecipanti dei programmi dell’associazione.

A partire da maggio 2019 anche Ayni Cooperazione comincerà ad offrire corsi di preparazione al volontariato internazionale con le seguenti caratteristiche:

  • E-learning: i corsi saranno impartiti in formato digitale e fruibili senza bisogno di uscire di casa
  • Indipendenti: non sarà necessario essere volontario presso i progetti della rete Ayni per accedere. Il corso si dirige a tutti coloro che vogliano approfondire la propria conoscenza del settore e partire informati
  • Modulari: proponiamo una struttura modulare che può essere gestita in modo autonomo da ogni partecipante, che potrà quindi decidere con che ritmo intraprendere il corso
  • “Partecipativi”: anche se la modalità e-learning non si presta a grandi interazioni tra i partecipanti, faremo in modo di proporre svariati spunti di riflessione per fomentare i dibattiti sul forum
  • Low cost: grazie alla sua natura digitale, il corso aiuta a risparmiare sugli spostamenti ed i pernottamenti fuori casa, altrimenti necessari per molti.

Se anche tu fossi interessato ai corsi di Ayni, manda un’email a info@aynicooperazione.org per richiedere maggiori informazioni ed eventualmente effettuare la pre-iscrizione (gratuita).

Articoli in italiano, Diventare un volontario

4 thoughts on “Perché fare formazione al volontariato internazionale?

  1. Godfrey on Reply

    That is very wonderful. This kind of initiative is going transform the world into a global community. And leave the mindset of being belonging to a particular country or locality.

    1. Chiara on Reply

      Thank you Godfrey for your encouraging words! Like-minded people should work together to achieve this goal!

Lascia un commento