Diritto d'immagine nel volontariato

Il volontariato internazionale per immagini

“Starting with love, respect and dignity is a lesson we can all practice more often” Tara Shupe

Con più di un milione di volontari stranieri in viaggio ogni anno (armati di cellulare e macchine fotografiche), il mondo della cooperazione finisce inevitabilmente sui feed Facebook e Instagram di un’infinità di persone. Ma a volte non è correttamente rappresentato! Vediamo qual è il peso delle immagini (anche quelle dei social) e delle foto nella logica dello storytelling del settore.

Il potere delle immagini

Le Ong usano tantissimo il visual storytelling come strumento di marketing, per raccontare la loro causa ed il loro lavoro. Le immagini, infatti, sono potenti mezzi di comunicazione che catturano l’attenzione dello spettatore e lo rendono più recettivo nei confronti del messaggio dell’organizzazione.

Ma qual è il messaggio che deve passare? In passato si usava fin troppo il “poverty porn” che andava dritto al senso di commiserazione e di colpa dell’osservatore. Oggi, per fortuna, si parla soprattutto di “empowerment“, dando vero protagonismo alle persone ritratte. Ed ecco che uomini, donne e bambini diventano, nello storytelling come nella mente degli osservatori, artefici coraggiosi del proprio destino.

E i volontari? Sono consapevoli del potere delle immagini?

Attraverso gli occhi dei volontari

Con circa 1.6 milioni di persone che fanno volontariato in un paese straniero ogni anno, c’è un flusso importante di immagini non-istituzionali che, volenti o nolenti, contribuiscono a nutrire l’immaginario collettivo legato alla cooperazione.

La bravissima fotografa umanitaria Tara Shupe riconosce ai volontari una reale responsabilità non solo nei confronti della comunità di accoglienza, ma verso l’Ong per la quale lavorano. Dice infatti:

“Se stai facendo volontariato con un’organizzazione, NON sei un foto-giornalista. Rappresenti direttamente l’organizzazione alla quale sei legato. Credo che tu possa condividere foto della tua esperienza, ma devi farlo senza perdere di vista l’etica e NON permettere a nessuno di usare le tue foto senza aver realmente compreso la situazione.”

I volontari, spesso, non sono consapevoli dell’impatto che le loro pubblicazioni possono avere sul settore, sulla comunità o sull’organizzazione. Soprattutto, sono scarsamente informati su come renderle più funzionale al bene della comunità e dei progetti di cooperazione.

“In molti casi, questi fotografi (ndr: i fotografi umanitari) catturano situazioni personali e delicate, provocando vergogna, fuorviando l’osservatore o dando un’immagine negativa della cultura e della gente” mette in guardia la nostra esperta.

È per questo che alcune associazioni, tra cui Añañau in Perù, aggiungono una clausola all’accordo firmato dai volontari riguardante le foto ai beneficiari. In molti casi, queste sono proibite; in altri, regolamentate. L’importante è che il volontario capisca che anche le foto, se scattate in contesti di vulnerabilità, sono troppo potenti per essere prese con leggerezza.

Etica della fotografia per volontari
Tara Shupe Photography

Le foto che “fanno bene” al volontariato internazionale

La regola d’oro è questa: dignità. Ma come fare perché le nostre foto non ledano la dignità delle persone o dei contesti che decidiamo di ritrarre?

1. La prospettiva

Le foto scattate dal basso suggeriscono ammirazione, venerazione. Quelle scattare dall’alto, invece, danno l’idea di dominio sul soggetto della foto. Quando usiamo un cellulare o una macchia fotografica, cerchiamo di ritrarre sempre i nostri soggetti in condizioni di parità.

2. Il momento opportuno

Noi volontari non siamo giornalisti e non siamo partiti per fare foto (con le dovute eccezioni). La nostra missione non è ritrarre la comunità in tutti gli aspetti della realtà quotidiana, ma è comprensibile il desiderio di portare a casa ricordi indelebili dell’esperienza. Cerchiamo quindi di trovare il giusto spazio per tutto: releghiamo le foto a specifici momenti di svago, esplorazione o scambio. Per il resto, abbiamo del lavoro da fare!

3. Il permesso

Per non essere invadenti, o addirittura sgraditi, evitiamo di scattare foto senza il consenso dell’organizzazione e delle persone coinvolte. Rispettiamo la loro intimità e privacy.

Fotografia etica nei progetti di volontariato
Tara Shupe Photography

 

4. La comprensione del contesto

Non è una buona idea scattare foto di eventi o contesti che non siamo in grado di comprendere. Potremmo commettere gravi passi falsi, dovuti alla nostra ignoranza culturale, e offendere profondamente le persone coinvolte.

5. I bambini

I bambini sono il soggetto più popolare quando si parla di volontariato. Però, scattare un sacco di foto di bambini soli, che giocano con i volontari, rischia di alimentare l’idea stereotipata che i piccoli sarebbero soli e abbandonati se non fosse per “questi generosi stranieri”. Sappiamo che non è così. Cerchiamo quindi di ritrarli anche nel contesto della loro comunità, con genitori, tutori, educatori, famigliari e amici.

5a. I bambini (parte seconda)

C’è un’altra considerazione da fare sui bambini, ovvero che spesso amano farsi fare le foto. Gli adulti della situazione, però, siete voi. Non abusate della loro disponibilità e ricordate che il trattamento dei diritti d’immagine del minore dipende dal consenso del genitore o tutore. Tenetelo a mente, anche se la regolamentazione non viene direttamente imposta nel contesto della vostra missione.

Fotografia etica nei progetti di volontariato
Tara Shupe Photography

6. Lo scambio alla pari

Quando scattiamo una foto che rappresenta i volontari durante lo svolgimento della loro missione, cerchiamo di ritrarre tutti i soggetti della foto come individui di pari dignità. Evitando i paternalismi, raccontiamo solo il volontariato dello scambio, dell’interculturalità e del servizio.

7. L’empowerment

I membri della comunità di accoglienza e la popolazione con cui lavoriamo hanno doti, capacità e storie che vale la pena raccontare. Gettiamo luce sul fatto che le comunità si salvano da sole perché hanno membri coraggiosi, determinati e generosi che li guidano.

Fotografia etica nei progetti di volontariato
Tara Shupe Photography

8. Foto di profilo?

Quando stai per pubblicare la foto di un bambino o di un adulto sui tuoi social, chiediti sempre se a te andrebbe di essere ritratto così. Smorfie, capelli insolitamente scarmigliati, facce stanche, vestiti da lavoro… È così che ritrarresti te ed i tuoi amici? I soggetti della foto sarebbero d’accordo?

9. No è no

Se l’ente o la comunità di accoglienza ti chiedono di non scattare foto, non scattarle! Se i genitori o i tutori del bambino non gradiscono le foto, non scattarle!

10. Il contatto

Alla fine, molto dipende dal tipo di contatto che viene stabilito con i soggetti delle foto. Ci può essere un rapporto amicizia e complicità, magari basato sulle relazioni di lavoro o su un’intesa immediata. Ma ci può anche essere diffidenza, o distanza. Tenete presente che tipo di rapporto esiste con le persone a cui desiderate scattare una foto ed agite di conseguenza.

Fotografia etica nei progetti di volontariato
Tara Shupe Photography

Per maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il blog di Tara Shupe o il sito di NGO Storytelling.

Foto di copertina: Tara Shupe Photography

Iscriviti alla newsletter!

* indicates required

Ti è piaciuto? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest